Due tecniche base per scrivere haiku (dal libro di Saki Kono)

Qui sotto propongo la mia traduzione di un piccolo frammento del libro di Takeshi Mizuno e Saki Kono “Iniziamo subito, il manuale più facile di haiku e senryu”(これから始める俳句・川柳 いちばんやさしい入門書).
La parte del libro dedicata allo haiku è a cura di Saki Kono, una giovane haijin giapponese. Lei conduce un programma televisivo dedicato allo haiku e qualche anno fa ha fondato una rivista digitale “Supika” dedicata a questo genere.
Il manuale è di livello base, elaborato per i principianti. Col tempo spero di tradurre anche altri piccoli pezzetini che mi sembrano particolarmente interessanti.
Ringrazio Antonietta Losito per aver levigato il mio italiano.

Tecnica toriawase.

In generale, possiamo dire che ci sono due modi di distribuire le 17 sillabe di uno haiku: scrivere tutto in un blocco, una frase (n.d.t.: senza taglio del significato e grammaticale) oppure dividendo in due parti. Il modo di scrivere in un blocco si chiama ichibutsujitate, quello di dividere in due parti si chiama toriawase. Sebbene presenti più difficoltà, la toriawase costituisce una tecnica particolare dell’espressione nello haiku. Impadronirsi di questo tipico “movimento” espande e allarga il modo di leggere e scrivere haiku.

Esempi di ichibutsujitate

Haiku scritti secondo questo principio trattano un solo argomento e mettono al centro dell’attenzione il kigo, ampliando la sua descrizione.

白牡丹といふといへども紅ほのか
hakubotan to iu to iedomo kō honoka

peonia bianca
si dice, eppure anche
leggermente rosa…

Takahama Kyōshi

まだもののかたちに雪の積もりをり
mada mono no katachi ni yuki no tsumoriori

ancora seguendo
la forma delle cose
s’accumula la neve

Katayama Yumiko

少女みな紺の水着を絞りけり
shoujo mina kon no kasuri o shiborikeri

le ragazzine
tutte strizzano i costumi da bagno
color blu marino

Satō Ayaka

Esempi di toriawase:

Toriawase è la combinazione in uno haiku di due temi, due argomenti diversi. Normalmente questi due argomenti uniti in uno haiku sono il kigo e qualcos’altro.

Utilizzando la tecnica toriawase si possono esprimere in uno haiku emozioni forti e complesse, pensieri sulla vita umana:

中年や遠くみのれる夜の桃
chūnen ya tōku minoreru yoru no momo

mezza età…
in lontananza sta maturando
un pesco notturno

Saitō Sanki

In questo componimento, la tecnica toriawase restituisce perfettamente la sensazione dell’età che avanza nella combinazione con l’immagine del frutto di pesco che, lontano nella notte, sta maturando. Il pesco notturno trasmette qualche connotazione erotica. Lo haiku, nel suo giusto equilibrio, fa pensare alla giovinezza che si allontana.

今生のいまが幸せ衣被
konjou no ima ga shiawase kinukatsugi

ora come ora
felice nella mia vita –
patate dolci

Suzuki Masajo

Alla sensazione “in questa mia vita c’erano tante cose diverse, ma ora come ora mi sento felice” si aggiunge il kigo “kinukatsugi”, che indica una varietà di patate dolci normalmente cucinate con la buccia e condite con un po’ di salsa di soia. L’autrice di questo haiku semplice, in un piccolo gesto, rende al meglio la felicità e il dolore di una vita.

ふだん着でふだんの心桃の花
fudangi de fudan no kokoro momo no hana

coi vestiti di tutti i giorni
i pensieri di tutti i giorni –
fiori di pesco

Hosomi Ayako

Alla sensazione “vestita in modo semplice e abituale, con pensieri altrettanto semplici e modesti – così vorrei vivere!” – è aggiunto, secondo la tecnica o il principio del toriawase, un kigo. A seconda del kigo utilizzato è possibile capire cosa significa il “di tutti i giorni” dell’autrice e quali sentimenti voglia trasmettere al lettore. In questo caso i fiori di pesco servono come decorazioni per giovani ragazze. Il color rosa di questi fiori è semplice ma festoso.

Cambiando il kigo, l’immagine sarà diversa:

ふだん着でふだんの心薔薇の花
fudangi de fudan no kokoro bara no hana

coi vestiti di tutti i giorni
i pensieri di tutti i giorni –
fiori di rosa

Una donna sposata, borghese, moglie di qualche celebrità.

ふだん着でふだんの心草の花
fudangi de fudan no kokoro kusa no hana

coi vestiti di tutti i giorni
i pensieri di tutti i giorni –
fiori di campo

Una casalinga dall’eleganza sobria di una famiglia semplice

(N.d.t.: il kigo di questo componimento kusa no hana – fiori di campo o letteralmente fiori delle erbe – indica piccoli fiori di diverse specie di piante ed erbe che crescono spontanee nei campi e i cui nomi, non sempre, si ricordano).

ふだん着でふだんの心蕎麦の花
fudangi de fudan no kokoro soba no hana

coi vestiti di tutti i giorni
i pensieri di tutti i giorni –
fiori di grano saraceno

Una casalinga che abita vicino a un campo di soba (grano saraceno).

あぢさゐやきのふの手紙はや古ぶ
ajisai ya kinou no tegami wa hayabururu

fiori di ortensia –
la lettera di ieri
ormai vecchia

Hashimoto Takako

In questo haiku, l’autrice fa riferimento a una lettera di ieri. Belle o brutte notizie che siano, un giorno è passato e sembrano già vecchie. A questa sensazione delicatamente amara, l’autrice, utilizzando la toriawase, aggiunge i fiori di ortensia. L’ortensia (in giapponese ajisai) è chiamata anche “shichihenge”, che letteralmente significa sette cambiamenti. Mentre piove, man mano il colore dell’ortensia cambia diventando più profondo. L’autrice trasmette con questa immagine la sensazione particolare dello scorrere del tempo.

Effetto del toriawase.

Provate a figurarvi lo haiku come fosse una piccola mensola. Ora, immaginate di andare in una galleria d’arte e di vedere sulla piccola mensola una rosa e un orologio che nell’insieme costituiscono un’opera. Posta accanto all’orologio, che misura il tempo, la rosa ora sta fiorendo, ma tra poco appassirà. La scena trasmette la sensazione della crudele voracità del tempo che passa e la fragilità della bellezza.

La coppia di elementi sulla piccola mensola dello haiku, nel suo giusto equilibrio, forma una unità.

Anche la diversità del carattere delle persone può essere usata nella tecnica toriawase. Immaginate, per esempio, la faccia sorridente di un’anziana signora, felice e pacifica, e un vaso contenete rametti di pesco in fiore. Viene subito da pensare che la signora ami i fiori di pesco e che abbia un carattere semplice e luminoso come questi fiori.

Come creare una toriawase.

Un modo facile e semplice per creare una toriawase potrebbe essere il seguente:

scrivere una frase di 12 sillabe (more);
trovare e aggiungere un kigo che calza alla perfezione.

In alternativa, si potrebbe prendere un componimento senza la tecnica toriawase e, nel rielaborarlo, crearla.

Ora, provate a scegliere tra i tre kigo proposti di seguito quello più indicato a essere inserito nei seguenti versi:

……….

la penna e gli occhiali
di colui che è morto

***
gira e ritorna
il sangue al cuore

……….

***

neanche il fratello minore
eredita l’edicola

…………

***

(N.d.t.: tutti i tre gli haiku succitati sono di Ogawa Keishu, il presidente della kessha tradizionale oppure il club di scrittura haiku di nome Taka situato a Tokyo

Kigo da scegliere

Aki tsubame – rondine d’autunno

Hiyayaka – freddo dell’autunno, freddo autunnale.

Kozo kotoshi – anno passato, anno che viene (anno scorso, quest’anno).

Risposte:

ひややかやペンと眼鏡といない人
hiyayaka ya pen to megane to inai hito

freddo dell’autunno
la penna e gli occhiali
di colui che è morto

La penna e gli occhiali appartenevano a una persona defunta. Il kigo evoca un’atmosfera autunnale e stimola le associazioni d’idee: il freddo che penetra nelle ossa ben si accompagna al dolore della perdita.

心臓へかへる血潮や去年今年
shinzō he kaeru chishio kozo kotoshi

gira e ritorna
il sangue al cuore –
anno che passa, anno che viene

Anno che passa, anno che viene – questo kigo evoca l’emozione profonda dell’ultimo giorno dell’anno. È nel giusto equilibrio con l’immagine del sangue che gira in tutto il corpo per tornare al cuore.

弟も文具屋継がず秋燕
otōto mo bunguya sugazu aki tsubame

neanche il fratello minore
eredita l’edicola –
rondine d’autunno

Nessuno dei figli vuole ereditare il negozio del padre e la sua cartoleria chiude. Un periodo ormai lontano (quello in cui il padre gestiva l’attività di famiglia e i figli facevano i compiti insieme al tavolo), è reso con la giustapposizione della rondine dell’autunno che, dopo aver allevato i suoi piccoli, ritorna al Sud. Il sentimento di solitudine è simile a quello che proviamo quando le rondini migrano.

Provate a scegliere il kigo adatto per questo ku:

esaurito

sorseggio i ravioli al brodo

…..

Akimoto Fujio

Kigo: Vento di primavera, la lunga notte, Natale, raffreddore estivo, yuki onna (n.d.t. la donna della neve è una specie di spirito maligno del folklore giapponese), il giorno della commemorazione della morte di Natsume Soseki.

Risposta:

へろへろとワンタンすするクリスマス
herohero to wantan susuru kurisumasu

esaurito
sorseggio i ravioli al brodo –
Natale

L’autore ha scelto il Natale. A questa festa occidentale ha combinato l’immagine di se stesso, assolutamente stanco ed esaurito. È come se pensasse: Eh? Già Natale? Ed io sono qui tutto solo e triste? Al lettore viene trasmesso questo sentimento di dispiacevole sorpresa. In uno haiku è importante il bilancio di sorpresa e empatia.

Come creare la tecnica toriawase aggiustando uno haiku che non ce l’ha.

父老いしことも書きたる日記果つ
сhichi oishi koto mo kakitaru nikki hatsu

scrivo anche
della vecchiaia del padre
finendo il diario

Usando la forma della tecnica toriawase, in uno haiku riusciamo a inserire un contenuto più ricco e complesso.

finisco il diario –
sono invecchiati papà
e Shigeo Nagashima

Ogawa Keishu

Nikki hatsu (日記果つ letteralmente: finire il diario), è un kigo invernale che indica l’atto di finire il diario dell’anno passato. Parlando della vecchiaia di suo padre e del suo coetaneo Shigeo Nagashima (n.d.t.: un famosissimo giocatore di baseball nato nel 1936), l’autore suggerisce l’atmosfera di una società in cui la massima fioritura del baseball, come di tante altre cose belle, è già passata.

2 thoughts on “Due tecniche base per scrivere haiku (dal libro di Saki Kono)

Add yours

  1. Grazie di questa traduzione, offre molti spunti di riflessione.
    Provando a fare gli esercizi sugli abbinamenti dei kigo, ho indovinato i primi 3 ma ho sbagliato quello di “esaurito “, al quale avevo abbinato Yuki Onna, sapendo che questo yokai succhia la forza vitale agli uomini ed è uno spirito che si manifesta nei periodi freddi.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: